Statistiche accessi

Il congiuntivo - Italian Grammar & Exercises

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il congiuntivo

Advanced > Grammar

Le forme del Congiuntivo

essere



che io
che tu
che lui/lei
che noi
che voi
che loro

Presente

sia
sia
sia
siamo
siate
siano

Passato

sia stato
sia stato
sia stato
siamo stati
siate stati
siano stati



che io
che tu
che lui/lei
che noi
che voi
che loro

Imperfetto

fossi
fossi
fosse
fossimo
foste
fossero

Trapassato

fossi stato
fossi stato
fosse stato
fossimo stati
foste stati
fossero stati

avere



che io
che tu
che lui/lei
che noi
che voi
che loro

Presente

abbia
abbia
abbia
abbiamo
abbiate
abbiano

Passato

abbia avuto
abbia avuto
abbia avuto
abbiamo avuto
abbiate avuto
abbiano avuto



che io
che tu
che lui/lei
che noi
che voi
che loro

Imperfetto

avessi
avessi
avesse
avessimo
aveste
avessero

Trapassato

avessi avuto
avessi avuto
avesse avuto
avessimo avuto
aveste avuto
avessero avuto

Verbi in ARE am- ARE



che io
che tu
che lui/lei
che noi
che voi
che loro

Presente

ami
ami
ami
amiamo
amiate
amino

Passato

abbia amato
abbia amato
abbia amato
abbiamo amato
abbiate amato
abbiano amato

Imperfetto

amassi
amassi
amasse
amassimo
amaste
amassero

Trapassato

avessi amato
avessi amato
avesse amato
avessimo amato
aveste amato
avessero amato

Verbi in ERE
tem- ERE



che io
che tu
che lui/lei
che noi
che voi
che loro

Presente

tema
tema
tema
temiamo
temiate
temano

Passato

abbia temuto
abbia temuto
abbia temuto
abbiamo temuto
abbiate temuto
abbiano temuto

Imperfetto

temessi
temessi
temesse
temessimo
temeste
temessero

Trapassato

avessi temuto
avessi temuto
avesse temuto
avessimo temuto
aveste temuto
avessero temuto

Verbi in IRE
serv- IRE



che io
che tu
che lui/lei
che noi
che voi
che loro

Presente

serva
serva
serva
serviamo
serviate
servan

Passato

abbia servito
abbia servito
abbia servito
abbiamo servito
abbiate servito
abbiano servito

Imperfetto

servissi
servissi
servisse
servissimo
serviste
servissero

Trapassato

avessi servito
avessi servito
avesse servito
avessimo servito
aveste servito
avessero servito

Verbi in IRE in isco
fin- IRE



che io
che tu
che lui/lei
che noi
che voi
che loro

Presente

finisca
finisca
finisca
finiamo
finiate
finiscano

Verbi con il presente irregolare

andare
bere
dare
dire
dovere
fare
potere
rimanere
salire
sapere

vada
beva
dia
dica
debba
faccia
possa
rimanga
salga
sappia

scegliere
stare
tenere
togliere
uscire
venire
volere

scelga
stia
tenga
tolga
esca
venga
voglia

 


Uso del Congiuntivo


Nelle frasi indipendenti quando è:

Esortativo/imperativo
Si usa il presente congiuntivo nelle esclamazioni, esortazioni, benedizioni, maledizioni.

Viva la Juventus!
Abbia pazienza!
Che tu sia maledetto!
Che il cielo ti protegga!
Dio vi assista!
Che il diavolo se lo porti!

Concessivo.

Entri pure!
Venga pure!

Ottativo.
Si usa l'imperfetto o il trapassato del congiuntivo.
Esprime un augurio, un desiderio inappagato o inappagabile.

Magari smettesse di fare così freddo!
Non l'avessi mai fatto!
Almeno dicesse la verità!
Avesse cercato di capirmi!

Dubitativo.

Che se ne sia dimenticato?
Che non abbia capito bene?


Nelle frasi dipendenti:

N.B. Quando il soggetto della frase principale è lo stesso della frase dipendente, allora si usa l'infinito preceduto da di

Arturo crede che Laura sia incinta. (Arturo e Laura sono soggetti diversi)
Laura crede di
essere incinta. (Laura è il soggetto delle due frasi)

Si usa il congiuntivo nella frase secondaria quando il verbo della frase principale esprime:

Un'opinione.

Credo che il bambino abbia fame.
Penso che Arturo sia già arrivato.

Una supposizione.

Supponevo che Elena non avesse capito.

Un desiderio.

Desiderano che tu ti riposi e ti rilassi.

La volontà/un ordine

Voglio che tu mi ubbidisca.

Un'incertezza.

Non sappiamo se Luigi sia (ma anche è) passato agli esami.
Non siamo affatto sicuri che sia la migliore soluzione del problema

Una paura/un timore.

Temo che Arturo abbia commesso un errore.

Un augurio.

Mi auguro che gli sposi facciano un viaggio sereno e felice.

Una speranza.

Speravo tanto che ti facessi vivo.

Un'attesa.

Aspetterò che i tuoi amici ti passino a prendere.

Un dubbio

Dubitano che io riesca a farcela.

Una necessità

Era necessario che tu intervenissi.

Una probabilità/improbabilità

E' probabile che Luigi se ne sia dimenticato.

Una possibilità/impossibilità

Non è possibile che Arturo si sia di nuovo dimenticato l'appuntamento.

 
Il congiuntivo si usa anche:

in espressioni che indicano stato d'animo.

Sono contento che loro ce l'abbiano fatta.
Mi è dispiaciuto che non ci si sia potuti incontrare.
Sono felice che tu possa venire.

dopo una frase principale al condizionale.
(in genere si usa l'imperfetto o il trapassato congiuntivo)

Vorrei che lui mi fosse vicino.
Preferirei che tu non mi dicessi niente.
Avrei voluto che lei non mi avesse visto.
Vorrei che loro non si fossero comportati così male.
Direi che sia meglio così.

quando nella frase principale il verbo è nella forma negativa.

Non dico che Arturo abbia torto, ma non posso affermare che abbia ragione.
Non siamo sicuri che lei dica la verità.

dopo un superlativo relativo.

E' il vino più buono che abbia bevuto.
E' la donna più bella che abbia conosciuto.

dopo alcune frasi impersonali.

E' facile che tu possa venire da me che io da te.
E' proprio un peccato che lui non ci sia riuscito.
E' bene che loro non lo sappiano.
Era giusto che voi lo sapeste.

dopo bisogna, può darsi, occorre, accade, basta.

Bisognava che loro fossero più tolleranti.
Poteva darsi che ci fosse uno sciopero dei treni.
Occorre che tu sia forte.
Succedeva che si spesso rimanesse al verde.
Basta che tu non faccia tardi.

dopo "benché, nonostante, malgrado, quantunque, perché, affinché, sebbene, per quanto"

Benché piova, usciamo.
Elena, sebbene/nonostante sia molto bella e sempre elegante, non ha ancora trovato un ragazzo.
Ti do questa medicina, perché/affinché tu guarisca presto.
Per quanto gli fosse stato più volte ripetuto di non aprire il cassetto, Giacomo disubbidì e lo aprì.

dopo gli avverbi "ovunque, dovunque, comunque";
dopo il pronome indefinito "chiunque";
dopo gli aggettivi indefiniti "qualunque, qualsiasi".

Ti seguirò, ovunque tu vada.
Comunque vada l'esame, non prendertela!
Lui mi contraddice, qualunque cosa dica.

nelle frasi temporali, dopo "prima che".

Ti faro sapere qualcosa prima che Luigi torni da Parigi.

quando si inverte l'ordine della frase.

E' sicuro che è il compleanno di Giorgio.
Che sia il compleanno di Giorgio è sicuro.


Torna ai contenuti | Torna al menu